Playlist pubblicata sul canale YouTube fgbect:


Guarda la Playlist a schermo intero

     PER MEDITARE UN PO'


LA LANTERNA DEL CIECO

In Giappone nei tempi antichi si usavano le lanterne di carta.
La carta avvolgeva un'intelaiatura di canne di banbù, all'interno della quale veniva accesa una candela.

Un cieco era andato a trovare un amico e poiché si era fatto tardi, questi gli offrì una lanterna da portare a casa.

Il cieco rise della proposta.
«Per me non c'è differenza tra il giorno e la notte», disse. «Cosa me ne faccio di una lanterna?»

Rispose l'amico: «È vero che non ti servirà per trovare la strada di casa, ma potrà evitare che un altro si scontri con te nel buio».

Il cieco allora partì con la lanterna in mano. Non aveva fatto che pochi passi quando un tale andò a sbattergli contro, facendogli perdere l'equilibrio.

«Ehi, non puoi stare più attento?» gridò il cieco. «Non vedi la lanterna?»

«Amico», replicò l'altro, «la tua lanterna è spenta».


Cammini più sicuro nel tuo buio che non nella luce altrui


Tratto da: La preghiera della rana - saggezza popolare dell'Oriente - volume secondo - Anthony de Mello - © 1990 Figlie di san Paolo (edizioni Paoline) - via Paolo Uccello, 9 — 20148 Milano



manda un'e-mail al webmaster

sito on line dal
19 aprile 2008
firma il guestbook! stampa la pagina